fbpx
Schermata-2016-11-16-alle-15.53.20

BOLOGNA | CALCIOMERCATO – ULTIM’ORA


Lo Spezia prepara le prime mosse sul mercato in vista della Serie A. Italiano rimarrà alla guida in panchina, l’idea più forte è Skov Olsen come esterno in prestito dal Bologna per cui è già partita una trattativa, da capire se la formula convincerà il ds Sabatini. Gianluca Scamacca da centravanti invece è l’opzione che intriga, dal Sassuolo.


Secondo Sky Sport, adesso è tutto fatto per Lorenzo De Silvestri al Bologna. Il terzino firma a parametro zero e raggiunge Sinisa Mihajlovic che lo ha voluto fortemente e con cui ha un grande rapporto, l’accordo è totale e già dai prossimi giorni inizierà ad allenarsi dopo tanti anni al Toro. Può essere titolare se Tomiyasu giocherà al centro.


Il Bologna è pronto ad accogliere Emanuel Vignato, strappato al Chievo già nel mercato invernale e lasciato in prestito fino al termine della stagione. Così Emanuele Giaccherini, suo compagno a Verona, ne ha parlato al Corriere dello Sport: “Vignato è un grande talento, è un giocatore di altissima qualità. E’ un ragazzo molto introverso non parla tantissimo, però possiamo dire che è in campo che esprime meglio se stesso, tutto il suo talento. E’ anche un ragazzo molto silenzioso, parla poco, ascolta. Le abilità le ha, ma deve ancora metterle in campo completamente. Delle volte succede che durante la partita ha delle pause, dei momenti di stop, però è giovane, può crescere tanto. Mihajlovic lo può modellare un po’”.

RUOLO – “Il suo ruolo ideale è l’esterno, ma può giocare anche dietro la punta. La visione di gioco e l’abilità di passaggio ce l’ha. Però il suo ruolo è l’esterno”.

AL BOLOGNA – “Sinisa penso sia l’allenatore perfetto per lui. Ci sono tanti giovani: Barrow, Juwara… Penso alla conferenza stampa di Mihajlovic quando disse: “Niente domande sul piccolo Musa? Allora lo convoco”. Magari per molti è stata una cosa divertente, ma quello è stato anche un po’ l’emblema di come un giocatore può crescere grazie al tecnico, alle scelte che fa, all’ambiente che ha intorno. L’equilibrio è sottile, Mihajlovic è l’uomo giusto. Emanuel è capitato nel momento giusto, nell’ambiente giusto, e quindi dovrà assimilare, assorbire tutto. Solo così potrà crescere”.

IN SERIE A – “Intanto una cosa: all’inizio dovrà guadagnarsi il posto. Lì a Bologna ci sono giocatori importanti davanti. Per me Barrow può giocare davanti, prima punta, centrale, e Vignato a sinistra. La cosa importante, credo, è che Emanuel si metta a disposizione per imparare da tutti. Col passare del tempo la crescita ci sarà senza dubbio”.

PUNTO DI FORZA – “Il talento. E’ un punto di partenza. Da solo non basta. Ci vuole anche tanto lavoro, lavoro, lavoro”.

PUNTO DEBOLE – “Caratterialmente magari deve emergere un po’, ma può farlo. E se non segue alla lettera quello che dice il mister rischia di buttarsi via. Nel calcio, si sa, tornare indietro è un attimo”.


Sono quattro su tutti i nodi da sciogliere – importanti anche in chiave fantacalcio – prima del mercato: Medel centrocampista o difensore; Tomiyasu terzino destro o centrale; il valore di Skov Olsen sul campo; Barrow esterno o centravanti. Il Bologna prende tempo, Mihajlovic riflette prima di muoversi sul mercato. Prima ci sono da decidere i ruoli dei giocatori già presenti in rosa.


Riccardo Orsolini ha rifiutato nei giorni scorsi in gran segreto una proposta di approccio dal Borussia Dortmund che sta cercando un esterno offensivo per il proprio attacco. L’ala del Bologna ha ringraziato ed è stato tentato dalla chance di giocare la Champions League, poi ha rifiutato perché non vuole perdere il posto e ci tiene al progetto rossoblù.


Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: